.

Recensione su TripAdvisor, polemiche su hotel di Aosta

recensioneAOSTA. «Siamo stati aggrediti da un uomo dell'Hotel Mignon alle ore 22 di sabato 18 agosto». Inizia così il racconto-denuncia di una famiglia di turisti stranieri che, tramite una recensione lasciata sul noto portale TripAdvisor che sta facendo il giro del web, sostiene di essere stata aggredita da un albergatore di Aosta.

«Hanno fatto la pipì fuori dall'albergo e li ho cacciati malamente», replica Paolo Maccari, il titolare.

Andiamo con ordine. Secondo quanto si legge nella recensione, padre, madre e figlia erano scesi ad Aosta con un furgone di servizio dopo aver subito un guasto all'auto nei pressi del colle del Gran San Bernardo. Arrivati all'hotel Mignon dove il soccorso stradale aveva trovato loro posto per pernottare, erano anche in cerca di una toilette per la bambina che da molte ore aspettava di poter andare al bagno. «Abbiamo chiesto - si legge nella recensione - all'hotel Mignon se nostra figlia poteva usare la toilette perché era disperata. Hanno rifiutato e detto che non eravamo ospiti». Il padre avrebbe quindi accompagnato la bambina a "farla" in un posto lontano dall'hotel. «L'uomo nella foto - è scritto su TripAdvisor - ha preso un bastone e picchiato mio marito sulla schiena procurandogli un grave infortunio».

La veridicità del racconto dell'utente è tutta da chiarire. Abbiamo raggiunto telefonicamente l'albergatore Paolo Maccari per chiedere la sua versione dei fatti. «Hanno fatto la pipì fuori dalla porta dell'albergo. Non è una cosa molto normale. E non erano clienti», ci spiega.

Nella recensione è scritto che il padre ha chiesto di poter far andare al bagno la figlia. «No - replica Maccari -. I signori avevano due camere prenotate tramite il soccorso stradale. Quando sono arrivati hanno chiesto se avevamo pronte le camere, ma loro volevano una family room. Era il 18 agosto: erano già fortunati ad aver trovato due camere. Ci hanno detto poi di aver trovato una family room in un altro albergo ad un prezzo inferiore. Quindi per loro aver reso disponibili due camere il 18 agosto non andava bene. Volevano anche che chiamassi il taxi per andare nell'altro hotel perché non sapevano bene dove si trovasse. Non ho chiamato il taxi e ho chiesto all'addetto del soccorso stradale di portarli via invece di stare a continuare a discutere. Sono rientrato in hotel - continua Maccari - e li ho notati con la coda dell'occhio che camminavano verso il cortile, quindi sono uscito e ho visto che avevano urinato sotto le camere. Sono stati il papà e la bambina penso. A quel punto mi sono arrabbiato: ho l'albergo pieno e queste persone si sono messe a urinare sotto le camere. Non è normale».

«Così - aggiunge l'albergatore - non si può fare. Mi ha poi detto che gli dispiace, ma la pipì la si fa altrove e non davanti all'albergo. Mi sono un po' arrabbiato e li ho cacciati via malamente. Cosa dovevo fare?».

Nella recensione è pubblicata anche una foto dell'albergatore mentre impugna un bastone. «Quello non è un bastone, lo usiamo per accendere la luce», dichiara infine Maccari.

 

Marco Camilli

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it