Oggi è il

"Criteri anticoncorrenziali", e la Regione Valle d'Aosta annulla la gara per l'agenzia stampa

  • Pubblicato: Venerdì, 19 Ottobre 2018 10:34

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Accolta un'istanza dell'Adn Kronos sui criteri per l'aggiudicazione dei servizi di informazione giornalistica

AOSTA. La Regione autonoma Valle d'Aosta dovrà bandire una nuova gara con procedura aperta per individuare l'agenzia di stampa che si occuperà dei servizi di informazione giornalistica dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2020, per un importo massimo stimato in 414.800 Euro.

La gara indetta nel mese di agosto è stata annullata dopo che l'Adn Kronos Spa ha sollevato una serie di rilievi e presentato un'istanza di annullamento in autotutela che la Struttura comunicazione istituzionale e cerimoniale ha accolto.

Le contestazioni dell'And Kronos riguardano alcuni criteri di ammissibilità e di valutazione che i concorrenti dovevano avere alla data di presentazione dell'offerta. In una recente sentenza del Tar della Valle d'Aosta, citata dall'Akn Kronos, sono infatti giudicate «anticoncorrenziali tutte quelle clausole dei bandi di gara che richiedono alle imprese partecipanti, quali requisiti di partecipazione alla gara o criteri tecnici per il riconoscimento di un maggior punteggio, l'ubicazione della sede operativa entro una certa distanza rispetto al servizio da espletare o la disponibilità di strutture o uffici operativi prima dell'aggiudicazione della gara». Ancora, non possano «ritenersi legittime tutte quelle clausole del bando o del disciplinare di gara che limitino in modo ingiustificato tanto la libertà di stabilimento, quanto la libertà di prestazione di servizi da parte di operatori stranieri o che comunque hanno sede in Paesi membri, ma al di fuori dei luoghi indicati nelle regole di gara».

Gli uffici regionali hanno riconosciuto che la gara «non risulta, in effetti, pienamente coerente con i principi europei e nazionali in materia di libera concorrenza». Nella nuova procedura i criteri di ammissibilità e valutazioni garantiranno «il rispetto dei principi di libera concorrenza, parità di trattamento e non discriminazione».

 

redazione

Altre news di attualità

  • Confermata la chiusura per 2 anni del Traforo del Monte Bianco
    COURMAYEUR. Il Traforo del Monte Bianco dovrà chiudere completamente al traffico per lavori di manutenzione straordinaria che dureranno circa due anni. La Società italiana del tunnel lo ha confermato in una lettera inviata al governo regionale in risposta alle richieste di informazioni inviate dopo che l'ipotesi di costruzione di una seconda galleria è tornata d'attualità.
  • Trasporti, il 21 gennaio sciopero anche in Valle d'Aosta
    AOSTA. Le organizzazioni sindacali della Valle d'Aosta hanno aderito allo sciopero di 4 ore proclamato il 21 gennaio per il settore dell'autonoleggio con conducente e delle autolinee del trasporto pubblico locale. La protesta riguarda il "pacchetto mobilità" proposto dalla Commissione europea che prevede la liberalizzazione dei servizi di trasporto delle persone con autobus e pullman all'interno dell'Unione Europea. 
  • Sostegno negato a bambino con disabilità: il Tar condanna la Regione
    AOSTA. Il Tar della Valle d'Aosta ha accolto il ricorso di una coppia che chiede l'attivazione, da parte dell'Amministrazione regionale, di un "progetto individuale di vita" per il figlio affetto sin dalla nascita da gravi disabilità e non autosufficiente.
  • Inail, in calo le denunce di infortuni sul lavoro in Valle d'Aosta
    AOSTA. Sono in calo le denunce di infortuni registrate in Valle d'Aosta dall'Inail. Nel rapporto sull'attività del 2018, con dati riferiti all'anno precedente, le denunce risultano 1.603, in calo dello 0,56 per cento rispetto al 2016 e del 2,43 per cento sul 2015.
  • Scuola, dal Miur 267mila euro alla Valle d'Aosta
    ROMA. Tre istituzioni scolastiche della Valle d'Aosta potranno accedere ai fondi statali per la messa in sicurezza e la costruzione di palestre ad uso scolastico. I progetti delle tre scuole sono compresi infatti fra i 93 interventi presentati da tutta Italia e inseriti dal Ministero dell'istruzione nell'elenco dei lavori che possono usufriore dello speciale bando nazionale del valore di 50 milioni di euro.
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075