.

Unterthiner, la polemica continua su FB: "promuove la Valle d'Aosta da tutta la vita"

Unterthiner pubblica un nuovo post su FB e smentisce Marguerettaz sui finanziamenti al parc animalier di Introd

 

 

AOSTA. Continua su Facebook, dove è nata, la polemica tra Stefano Unterthiner e la Regione.Dopo il post al vetriolo di due giorni fa, a cui ha risposto con un comunicato stampa l'assessore al turismo Aurelio Marguerettaz, è di nuovo il fotografo naturalista a prendere la parola.

"Dal febbraio scorso (mese in cui è scaduto il suo contratto biennale di testimonial per VIVA VdA, ndr) a oggi si sono susseguiti diversi avvenimenti, che mi hanno spinto a prendere una posizione forte contro la mia regione", scrive sulla sua pagina FB, e la delibera per l'abbattimento di 4.500 ghiandaie e corvidi "è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso".

"Da valdostano, sono stato fiero di aver potuto promuovere questo progetto", continua a proposito dell'iniziativa Viva VdA, ma secondo il fotografo alcune recenti decisioni sono "in totale disaccordo con l'anima stessa del progetto VIVA".

Unterthiner replica poi punto per punto alle affermazioni di Marguerettaz, ad esempio sul finanziamento dei parc animalier definiti "volgari zoo". "Lei dice, nel servizio di ieri sera del TGR, che la regione non ha finanziato gli zoo in Valle d'Aosta: si dimentica forse che soltanto 9 mesi fa la Giunta regionale ha stanziato 46.900 euro per lo zoo di Introd".

Lo sfogo continua su FB: "La regione in cui sono nato l'ho promossa e pubblicizzata tutta la vita. Ho dedicato tre libri (e un quarto è in preparazione) alla mia regione. Ho illustrato con le immagini che ho scattato in Valle d'Aosta, centinaia di articoli su riviste di tutto il mondo. Il prossimo anno, un angolo della Vallée, quello del Gran Paradiso, sarà celebrato sul National Geographic: oltre 40 edizioni nel mondo e milioni di lettori. Non permettetevi di affermare che con un mio post ledo l'immagine della mia regione!".

 

Marco Camilli

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it