.

Con l'ironia ad Aosta si esorcizza il green pass

Su un argomento così divisivo, lo sfottò unisce tutti

 

Bar Roma

Green pass sì, green pass no; vaccini sì, vaccini no: in Valle d'Aosta, come nel resto d'Italia e in diversi Paesi nel mondo, il lasciapassare sanitario introdotto nel corso dell'emergenza Covid-19 fa discutere e può essere motivo di divisione. Quando un argomento è così controverso, un ottimo modo per affrontare l'argomento è lo "sfottò". Che solitamente unisce tutti.

Accade così che in un bar del centro storico aostano, il Bar Roma di via Aubert, appare una scritta dedicata proprio alla certificazione verde e ai nomi che la definisce. Il green pass che diventa super green pass con la terza dose di vaccino e che, in un ipotetico futuro, si tramuta certificazione "turbo" o persino da "formula 1". Fino all'ultimo step: il "p.p.c.i. green pass". Cosa significa p.p.i.c.? Solo il gestore lo sa e a lui bisogna chiederlo.

In un periodo in cui la conflittualità è così elevata nei confronti del green pass, un po' di ironia non può che far bene, soprattutto se accompagnata da un buon caffè. 

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it