.

Ucraina, già arrivati in Valle d'Aosta 46 profughi

Altri arrivi programmati nei prossimi giorni. Lavevaz: reperire ulteriori spazi per una serena gestione dell’accoglienza

 

Tavolo di coordinamento per l'Ucraina

Nuova riunione del tavolo di coordinamento sull'emergenza in Ucraina, convocato dal presidente della Regione oggi per fare il punto della situazione.

Fino a questo momento in Valle d'Aosta sono arrivati 46 profughi che, come da procedura, sono stati accompagnati al centro di prima accoglienza della Croce Rossa a Villeneuve per le registrazioni di rito. Altre 27 persone arriveranno nella nostra regione nei prossimi due giorni. Tutti potranno avere una sistemazione: per il momento infatti da enti e da privati sono arrivate sufficienti disponibilità per ospitare circa 250 ucraini. «Un dato significativo - dice il presidente della Regione, Erik Lavevaz - che testimonia la generosità con cui i valdostani stanno vivendo questo momento. Spero che si possano reperire ulteriori spazi che ci consentano una serena gestione dell’accoglienza nel caso di un incremento significativo degli arrivi».

Alla riunione di questa mattina del tavolo di coordinamento hanno partecipato i rappresentanti della Protezione civile e delle altre strutture regionali coinvolte, l'Usl Valle d'Aosta, la Croce Rossa Italiana, la Caritas italiana e diocesana, il Cpel, il Comune di Aosta, il Coordinamento Solidarietà Valle d'Aosta e la Fondazione comunitaria della Valle d'Aosta.

 

 

Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it