.

Cisl e Uil annunciano la chiusura dello stato di agitazione per il comparto unico della Valle d'Aosta

Le due organizzazioni sindacali si dicono soddisfatte per gli accordi raggiunti

 

Le Funzione pubbliche di Cisl e Uil annunciano il rientro dello stato di agitazione per il personale del comparto unico della Valle d'Aosta.

«Con l'incontro che si è tenuto mercoledì 22 giugno con la controparte, si esprime soddisfazione per i risultati ottenuti che hanno messo un punto fermo sulle questioni fondanti della nostra azione», spiegano le due organizzazioni sindacali in una nota congiunta.

Tra i punti concordati c'è l'adozione da parte del Corepoc delle direttive per la parte economica relative alla dirigenza, entro il 31 luglio, e alle categorie, entro il 30 settembre; l'adozione nell'ambito dello smart working di una disciplina inserita nel PIAO che sarà testata nei prossimi mesi e la contrattazione dedicata per gli addetti stampa.

«Rimane inteso che vigileremo sul rispetto degli impegni presi - affermano Cisl e Uil -, confidando in una piena collaborazione onde evitare ulteriori ritardi nel rinnovo contrattuale del personale delle categorie e della dirigenza andando a soddisfare le rispettive peculiarità professionali».

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it