Pnrr, nuove domande per valorizzare l'architettura e il paesaggio rurale

La Valle d'Aosta ha ancora fondi a disposizione: riaprono i termini

 

Paesaggio rurale

Riaprono i termini di presentazione delle domande di finanziamento per l'avviso pubblico del Pnrr sulla protezione e valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico di tipo rurale. 

Al contrario di altre regioni, la Valle d'Aosta ha raggiunto gli obiettivi minimi del numero di interventi finanziabili, tuttavia rimangono a disposizione ancora 57mila euro sul totale dei 2,4 milioni assegnati alla nostra regione. Dal 5 luglio al 29 luglio 2022 dunque potranno essere accolte nuove domande per esaurire tutti i fondi disponibili e, se possibile, creare una lista di domande da cui attingere in caso di rinunce così da assicurare il rispetto dei target imposti dal Pnrr.

L'avviso riguarda progetti di recupero di edifici che caratterizzano il paesaggio rurale della Valle d'Aosta come stalle, fienili, raccard, essiccatoi, mulini, case o chiese o scuole rurali, edicole votive e altre strutture agricole di proprietà di privati e del terzo settore. Allo stesso tempo sono ammessi interventi su strutture e opere rurali come terrazzamenti, recinzioni, fontane, abbeveratoi, ponti, muretti a secco, barmet e simili.

Il contributo è concesso, fino ad un massimo di 150.000 euro come forma di cofinanziamento per un'aliquota del 80%. La somma è portata al 100% se il bene è oggetto di dichiarazione di interesse culturale ai sensi del D.lgs. 42/2004, fermo restando il tetto dei 150.000 euro.

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2022 Aostaoggi.it