.

Nella legge sul turismo della Lombardia anche il contrasto al gioco d'azzardo

regione-lombardiaC'è anche il contrasto alle ludopatie nella riforma sul turismo della Lombardia che ora è legge. Il Consiglio regionale ha approvato il provvedimento che è passato con 40 voti a favore, a fronte dei 26 contrari dei gruppi di minoranza. Sono 87 gli articoli della legge che ridisegna il comparto, per il quale nel triennio la Regione metterà a disposizione 25 milioni di euro.

Tra gli emendamenti approvati e che sono rientrati nella versione finale del testo ce ne è anche uno che favorisce gli esercenti che non ospitano slot machine e videopoker. L'intenzione è disincentivare in misura ancora maggiore la diffusione dell'azzardo, orientando i finanziamenti regionali verso quelle attività, in questo caso alberghi, bed & breakfast e campeggi, che non sono provvisti di apparecchi da intrattenimento. Il principio è simile a quello previsto nella norma per il contrasto del Gap che già prevede sconti fiscali per gli esercizi commerciali che rinunciano alle "macchinette".

Si premia chi "si comporta positivamente", favorendo l'accesso ai fondi regionali, spiega il vice capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale, Fabio Rolfi, promotore dell'emendamento. «Nella legge – sottolinea Rolfi al VELINO - sono previste premialità nell'accesso ai bandi per chi non detiene slot. In ogni provvedimento e con ogni strumento a nostra disposizione vogliamo disincentivare la presenza e l'accesso ai punti di gioco d'azzardo in Lombardia, in attesa che il premier dalle tante promesse e nessun fatto faccia qualcosa a riguardo».

L'esponente del Carroccio interviene anche sulle polemiche seguite all'esclusione dei gestori che utilizzano gli hotel per "fini non turistici" dai bandi della Regione. «Quella che abbiamo approvato è una norma concreta e di buon senso. Non significa negare l'accoglienza a chi ne ha diritto. Ma i centri di accoglienza sono business diversi. Queste sono risorse destinate a promuovere il turismo in Lombardia».

 

Clara Rossi

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it