REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Casinò, procuratore Rizzi: Rollandin definì "bollita" la casa da gioco


Davanti ai giudici della Corte dei Conti la discussione del processo sui 140 milioni di euro di finanziamenti

RollandinAOSTA. L'ex presidente della Regione Augusto Rollandin avrebbe definito «bollita» la società del Casinò di Saint-Vincent. Lo ha riferito il procuratore Roberto Rizzi durante l'udienza in Corte dei Conti ad Aosta sui 140 milioni di finanziamenti alla casa da gioco concessi tra 2012 e 2015.

Rizzi ha citato l'estratto di alcune intercettazioni, catturate durante un'inchiesta della polizia per riciclaggio, che smentirebbero le tesi sostenute da alcune difese sulla capacità della società di essere solvibile e, di conseguenza, sulla correttezza delle erogazioni di fondi pubblici. Secondo il procura, che contesta come danno erariale tutti i 140 milioni, al Casinò «occorre la rotatività del finanziamento per onorare il pagamento del mutuo».

Durante la discussione del processo è stato sentito anche l'avvocato Massimiliano Sciulli il quale ha riferito che «tra il 2011 e il 2015 le imposte riversate alla Regione grazie al Casinò ammontano a 78.860.000 euro. Se aggiungiamo a questo la quota economica che il Casinò riversa alla Regione, arriviamo alla cifra di 112.775.000 euro».

Prima di iniziare la discussione, i giudici della sezione giurisdizionale della Corte dei conti hanno respinto la richiesta di differimento e sospensione del processo contabile che viaggia parallelo a quello penale (per truffa aggravata e falso in bilancio).

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it