25 mila euro in Regione, archiviata l'indagine su Pierluigi Marquis


Era sospettato di concorso in calunnia. Marquis: «una liberazione»

Pierluigi Marquis

AOSTA. E' stata archiviata l'indagine sul consigliere regionale Pierluigi Marquis (Stella Alpina) riguardante la busta con venticinquemila euro in contanti rinvenuta a Palazzo regionale nel periodo dell'avvicendamento tra Augusto Rollandin e lo stesso Marquis alla guida della Regione.

L'ipotesi di reato era calunnia perché, stando allo scenario ipotizzato su cui la procura di Aosta intende fare luce, il denaro sarebbe stato messo nell'ufficio del presidente della Regione dopo l'insediamento di Marquis e con l'intento di danneggiare il precedecessore.

Le indagini coinvolgono anche Donatello Trevisan, all'epoca segretario particolare di Marquis, e l'ex presidente del Consiglio regionale Marco Viérin. Le posizioni di questi ultimi rimangono per ora in piedi.

Marquis: una liberazione

«A fronte della pressione mediatica e politica subita questo momento è stato vissuto, da me e dalla mia famiglia, dopo 346 lunghi giorni di sofferenza morale, come una liberazione». Questo il commento di Pierluigi Marquis, 54 anni, alla notizia dell'archiviazione.

«Esprimo altresì soddisfazione perché l'istituzione Presidente/Prefetto esce senza macchia da questa vicenda», aggiunge Marquis, auspicando inoltre «che l'autorità inquirente possa a chiusura dell'indagine determinare la provenienza di quel denaro».

 

Marco Camilli

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it