.

Geenna, il gip: rapporti tra il capo della locale e l'ex presidente della Regione

Palazzo regionale

AOSTA. Un progetto per «prendere il potere e governare la Valle d'Aosta» viene descritto nelle pagine dell'inchiesta Geenna sugli intrecci tra politica e 'ndrangheta in Valle d'Aosta. 

«Il programma criminoso - scrive il gip di Torino nell'ordinanza dei 16 arresti riportata dall'Ansa - consiste nel continuare a fare infiltrare i sodali dell'organizzazione e i soggetti contigui alla stessa ed eletti con i voti convogliati dagli associati nei massimi organi istituzionali e politici della Valle d'Aosta».

Il gruppo aostano «attraverso una tipologia di rapporti improntati ad una non manifesta azione violenta - spiega ancora il giudice torinese -, ma comunque espressione di pressione e intimidazione, è riuscita di fatto a costruire una rete di relazioni, connivenze, rapporti con istituzioni e con esponenti che ricoprono ruoli di interesse in settori importanti della società civile valdostana, funzionali a creare quel tessuto connettivo necessario per realizzare gli scopi e le finalità di un'associazione di tipo mafioso».

Secondo gli inquirenti, per portare a termine il piano sarebbe stato attivato un canale diretto con il coinvolgimento di Marco Di Donato, ritenuto il capo della "locale" di Aosta, e del "testone", cioè l'ex presidente della Regione Augusto Rollandin, che non risulta indagato. Il nome di quest'ultimo compare una trentina di volte nell'ordinanza del gip.



 

Marco Camilli

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it