REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Masso crollato a Villeneuve, il giudice: l'evento non era prevedibile

Masso crollato a Villeneuve, il giudice: l'evento non era prevedibileAOSTA. Sono state depositate al Tribunale di Aosta le motivazioni della sentenza con cui lo scorso 28 giugno il giudice monocratico Marco Tornatore ha assolto i sei imputati a processo per il masso franato otto anni fa a Villeneuve sull'automobile di Michel Chabod, 42 anni, rimasto invalido.

Secondo il giudice "il fatto non costituisce reato" perché non è possibile "nel modo più assoluto" affermare che "il distacco del blocco lapideo fosse un fenomeno prevedibile in concreto e/o che costituisse un serio pericolo da valutare nella progettazione dell'opera o nell'affidamento dei lavori di ampliamento della strada". Il giudice ha inoltre tenuto conto del fatto che un evento simile non si era mai verificato "in tutta la storia della strada" e che "lungo il tratto di strada in esame non sono mai stati censiti altri fenomeni geologici di rilievo: il primo e unico è proprio quello del 16 marzo 2011".

Gli imputati erano accusati di disastro colposo in relazione ai reati di frana e attentato alla sicurezza dei trasporti. Secondo il giudice gli elementi raccolti nei confronti dell'ex presidente della Regione Augusto Rollandin, del progettista della strada Luciano David, e dell'ex assessore ai lavori pubblici Carlo Berthod "conducono tutti, in modo unitario, ad escludere che il distacco del blocco lapideo ad oltre 20 anni della conclusione della strada fosse un fenomeno prevedibile in concreto (e non solo in astratto o secondo la comune esperienza)". Per quanto riguarda l'ex sindaco Roberta Quattrocchio, il giudice ha inoltre ritenuto "dimostrata la diligenza del sindaco nell'intervento di fronte a potenziali pericoli per la pubblica incolumità, mentre è del tutto fisiologico il mancato intervento in un'area che non lasciava presagire alcun pericolo". Gli altri due imputati erano il proprietario del terreno Gianni Gabriele e l'affittuaria Anna De Santis. "Nulla - scrive il giudice - rendeva necessario od anche soltanto opportuno un intervento protettivo poiché sulla località non si erano mai verificati evento dello stesso tipo".

 

 

 

M.C.

 

 

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it