.

Pistacchi dal Lussemburgo a Bronte: sequestrate 23 tonnellate al Traforo del Monte Bianco

La procura di Aosta indaga su origine e destinazione dei pistacchi dopo il sequestro compiuto dalla Guardia di finanza

 

pistacchi

La Guardia di finanza ha sequestrato mercoledì ventitré tonnellate di pistacchi destinati a Bronte, località nota proprio per il famoso pistacchio verde Dop.

L'ingente quantitativo di frutti (in tutto 33 bancali) proveniva dal Lussemburgo ed è stato intercettato dai finanzieri di Aosta in entrata al Traforo del Monte Bianco. Il tipo di merce e la sua destinazione ha insospettito i finanzieri. I controlli hanno appurato che l'etichettatura del prodotto era priva dell'indicazione del Paese d'origine.

Del sequestro ora si occupa la procura di Aosta. Al sostituto procuratore Manlio D'Ambrosi il compito di ricostruire l'intera filiera di commercializzazione e valutare l'ipotesi di reato di vendita di prodotti industriali con segni mendaci.

I pistacchi intanto hanno ripreso il viaggio verso la ditta siciliana cui erano destinati. Dovranno essere custoditi in attesa dell'esito delle indagini.

 

 

Marco Camilli

 

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it