Inchiesta sull'ospedale Parini, Procura di Aosta presenta appello per l'abuso d'ufficio

 

A novembre tutti gli imputati erano stati assolti, incluso il presidente della Regione Rollandin

Mineccia-marilindaAOSTA. Il procuratore capo di Aosta Marilinda Mineccia ricorrerà in Appello contro una parte della sentenza di assoluzione pronunciata lo scorso novembre per il processo sull'ampliamento dell'ospedale regionale U. Parini di Aosta.

Secondo quanto riferito dall'Ansa Valle d'Aosta, Mineccia sta per portare in secondo grado le accuse di abuso d'ufficio che riguardano, per due distinti fatti, il presidente della Regione Augusto Rollandin, l'imprenditore Giuseppe Tropiano, il progettista Serafino Pallù e gli ingegneri Alessandro De Checchi e Paolo Giunti. Non sarà invece impugnata la parte di sentenza sulla turbativa d'asta.

Il 24 novembre scorso il gup Colazingari aveva prosciolto Rollandin, Tropiano e Pallù "perché il fatto non sussiste". Il fatto in questione è la deliberazione con cui la Giunta regionale, a dicembre 2010, decise l'acquisto del parcheggio pluripiano all'ex Residence Mont Blanc al costo di 16,9 milioni di Euro. Il testo della deliberazione firmata da Rollandin era, secondo l'accusa, diverso da quello approvato dal governo regionale e le modifiche avrebbero procurato al venditore e costruttore del parcheggio un "ingiusto profitto e rilevante vantaggio patrimoniale".

De Checchi, Giunti, Pallù e Tropiano erano inoltre stati assolti "perché il fatto non costituisce reato" dalle accuse sull'affidamento dei lavori di costruzione del tunnel di collegamento sotto via Roma tra i parcheggi Nord e Sud.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it