Spagna, sette ragazze italiane morte nell'incidente a Freginals

Tredici in tutto le vittime dell'incidente del pullman Erasmus

incidente-pullmanspagnaLe vittime italiane dell'incidente stradale che ha coinvolto un pullman e un veicolo in Spagna, «dai riscontri incrociati sono sette. Verosimilmente, in quanto bisogna attendere l'identificazione per avere la certezza piena». Lo ha spiegato ai giornalisti il capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Claudio Taffuri. I loro nomi, anche se per ora non ci sono conferme formali, sono. Francesca Bonello, Lucrezia Borghi, Valentina Gallo, Elena Maestrini, Serena Saracino, Elisa Scarascia Mugnozza ed Elisa Valent. I feriti, invece, «sono sei - ha proseguito Taffuri -, di cui due dimessi e altrettanti che versano in serie condizioni».

Nel frattempo, proseguono le operazioni per l'identificazione delle salme, che si sono rivelate molto complesse in quanto «c'erano oltre 300 persone sui cinque autobus, molti italiani e anche tane altre nazionalità. Tutti questi ragazzi non si erano notificati a noi, non ne sapevamo nulla fino a quando c'è stata la tragedia», ha sottolineato il capo dell'Unità di crisi ricordando che bisogna attendere l'identificazione delle vittime da parte delle famiglie. «Tre sono in viaggio - ha concluso - e le altre sono già arrivate sul posto». A questo proposito, il governo catalano ha organizzato un dispositivo presso l’aeroporto di Barcellona per accoglierle e assisterle, fornendo loro informazioni. Al loro arrivo presso lo scalo, i congiunti vengono trasferiti a Tortosa per collaborare nell'identificazione delle vittime e per raggiungere i feriti.

Per quanto riguarda il bilancio complessivo dell'incidente, 13 ragazze hanno perso la vita e altri 34 giovani sono rimasti feriti. Di questi tre versano in condizioni molto gravi, nove sono gravi e 22 non destano preoccupazione. Sul posto, insieme alle autorità locali, si trova il console generale italiano a Barcellona, Stefano Nicoletti.

Secondo l'agenzia EFE, il pullman trasportava un gruppo di 57 studenti internazionali del programma Erasmus lungo la AP-7 vicino Freginals (nella zona di Tarragona), quando improvvisamente ha urtato un guard rail e poi invaso la corsia opposta, andandosi a scontrare una macchina che procedeva in senso opposto. Sull'incidente è stata aperta un’indagine, ma prende sempre più piede l'ipotesi che sia stato causato da «un fattore umano», secondo quanto ha affermato il ministro degli Interni del governo catalano Jordi Jane. L'autista, sopravvissuto alla tragedia, è risultato negativo sia al test dell'alcol sia al test sulle droghe e risulta indagato.

I ragazzi facevano parte di un convoglio di cinque pullman e stavano tornando da un festival di fuochi d’artificio a Las Fallas. I mezzi erano stati noleggiati da varie università per il viaggio di andata e ritorno tra Barcellona e Valencia, per assistere allo spettacolo pirotecnico. Il presidente catalano, Carles Puigdemont, ha sospeso un viaggio previsto a Parigi e ha dichiarato due giorni di lutto. Inoltre, le bandiere dell’Università di Barcellona, dove studiavano la maggior parte delle ragazze decedute, ha messo le bandiere a mezz’asta.

 

Clara Rossi

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it