Pestaggio durante la Veillà, raggiunto accordo per risarcimento danni

 

Difesa dei tre giovani imputati precisa: "no ammissione di colpa"

AOSTA. Riprenderà il 30 maggio il processo per un presunto pestaggio avvenuto ad Aosta un anno fa, durante la Veillà della Fiera di Sant'Orso. Tre giovani di Casapound - Valerio Aiello di 25 anni, Alessandro Conti di 23 ed Erik Saderi di 25 - sono accusati di lesioni personali aggravate in concorso ai danni di un nordafricano di 24 anni e di alcuni amici che erano intervenuti in sua difesa tra i quali un ragazzo di 21 anni.

Le due parti hanno raggiunto un accordo per un risarcimento danni, operazione che evita la costituzione di parte civile, e la difesa rappresentata dall'avvocato Davide Sciulli precisa che «non c'è ammissione di colpevolezza».

L'accusa contesta a Conti e Saderi l'aggravante di aver utilizzato nell'aggressione dei cavalletti in ferro e delle transenne mentre Aiello avrebbe agito con crudeltà sferrando un calcio alla testa del ventiquattrenne nel momento in cui questo era già a terra.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it