.

Valtournenche, indennizzi ai privati per la pratica dell'eliski

Approvato il nuovo regolamento con cui il Comune cede parte degli introiti. Lo stesso principio potrà essere applicato alla mountain bike

 

Il consiglio comunale di Valtournenche ha approvato il nuovo regolamento per l'attività dell'eliski e una variante non sostanziale del Piano regolamento per gli areali di base. Questi ultimi sono i punti di partenza dell'eliski ma, a Valtournenche, corrispondono anche a punti di decollo e di atterraggio per scopi pubblici (come elisoccorso o lavoro aereo) e privati, con l'introduzione di tariffe a pagamento per sostenere i costi di gestione e manutenzione delle aree destinate allo scopo.

«La grande novità introdotta dal Comune di Valtournenche e condivisa con altri Comuni interessati dallo stesso iter di adeguamento - spiega l'amministrazione comunale -, consiste nel fatto che s'intendono gestire i rapporti con i proprietari delle aree coinvolte prevedendo un indennizzo per coloro che daranno la disponibilità delle loro aree per l'attività in questione. Per la precisione, il Comune rinuncerà al 30% dell'introito derivante dalla concessione per mettere a disposizione dei proprietari ore di volo oppure attività di ripristino sui terreni consorziali o d'alpeggio».

Lo stesso principio sarà ripreso per l'attività di mountain bike. «Chi mette le proprie superfici a disposizione deve compartecipare all’utile derivante», ha spiegato in aula il consigliere delegato Stefano Gorret. «Riponiamo grandi attese nei confronti di questa impostazione, perché potrebbe risolvere alcune questioni legate alla pratica di sport su aree private o consorziali, mai risolte in questi ultimi anni e di grande attualità».

Ancora in tema di eliski, è stata rinviata l'approvazione preliminare della nuova cartografia acustica stagionale. Gli elaborati sono pronti, ma devono essere aggiornati in base a nuove disposizioni chieste dagli uffici regionali ad agosto. L'approvazione è prevista nella prossima seduta del consiglio comunale.

 

 

Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it