Dehor sulle piste da sci: 'no' del Consiglio di Stato alla sospensione chiesta dal Comune di Gressan

Respinta l'istanza cautelare contro la sentenza che aveva dato ragione ai gestori del locale

 

Giudice

Il Consiglio di Stato ha respinto un ricorso presentato dal Comune di Gressan per un dehor posizionato da un locale nel comprensorio sciistico di Pila.

La IV Sezione ha negato la richiesta di istanza cautelare per sospendere l'efficacia di una sentenza del Tribunale amministrativo regionale della Valle d'Aosta che, lo scorso anno, aveva dato ragione alla società titolare del locale e torto al Comune per aver negato l'autorizzazione a installare un dehor - che comunque è stato poi allestito - su un'area in concessione.

Nel ricorso, si legge all'interno della sentenza pubblicata oggi, il Comune di Gressan aveva evidenziato la «collocazione strategica delle aree sulle quali giace il punto di ristoro, nel contesto del complesso sciistico di Pila» e, allo stesso tempo, la «delicatezza di rapporti con altri operatori del settore in tale ambito» e la necessità di «ristabilire legittimi limiti di compromissione e di godimento da parte di Chamolé Sas delle aree appartenenti al patrimonio pubblico». Per la IV Sezione tuttavia il «pregiudizio in questione non si profila né "grave", né "irreparabile"». Per questo motivo l'istanza volta a sospendere l'efficacia della sentenza del Tar non è accolta.

 

 

Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2022 Aostaoggi.it