La statale 26 tra La Thuile e Pré-Saint-Didier riaprirà nei fine settimana

Il tratto coinvolto dalla frana caduto il 25 dicembre sarà riaperto per facilitare il rientro dei turisti

 

Cantiere del muro paramassi

Il tratto di strada statale 26 tra La Thuile e Pré-Saint-Didier dove lo scorso 25 dicembre è caduta una frana di grosse dimensioni riaprirà ancora al traffico in via provvisoria.

Le riaperture sono programmate nei prossimi fine settimana in accordo tra Comuni, Anas e Regione per agevolare il rientro dei turisti e snellire il traffico sulla strada regionale 39 del colle San Carlo, la quale è utilizzata come percorso alternativo obbligatorio dal giorno della frana.

Le finestre di apertura della statale 26 sono due: dalle ore 8 di sabato 14 gennaio alle ore 8 di lunedì 16 gennaio e poi ancora dalle ore 8 di sabato 21 gennaio alle ore 8 di lunedì 23 gennaio. I veicoli potranno transitare sulla strada statale in discesa, in direzione di Pré-Saint-Didier e del fondovalle, mentre per salire verso La Thuile dovranno percorrere la regionale 39 per il colle San Carlo.

Intanto nel tratto di statale in cui è caduta la frana proseguono i lavori di costruzione del muraglione paramassi, un'opera lunga 43 metri e alta 5 metri e mezzo. Il cantiere è condizionato dalle nevicate e dalle temperature rigide e secondo le ultime previsioni i lavori dovrebbero essere ultimati «entro la fine della prossima settimana», come indicato dall'assessorato regionale delle opere pubbliche. «Qualora le condizioni metereologiche non presentino criticità nel corso delle prossime giornate lavorative, favorendo quindi una più rapida ultimazione dei lavori, saranno comunicate le indicazioni per la conseguente completa riapertura del transito sulla SS26».

Il costo complessivo delle opere di ripristino compiute da Regione e Anas è stimato sino ad ora in 300.000 euro.

 

 

Elena Giovinazzo

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2023 Aostaoggi.it