Oggi è il

Governo Conte-bis, ADU: superata una brutta stagione

  • Pubblicato: Venerdì, 06 Settembre 2019 08:35
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Pin It

Giuseppe ConteAOSTA. Con la nascita del governo Conte-bis ci si è "lasciati alle spalle, forse solo momentaneamente, una brutta stagione in cui i più deboli sono stati aggrediti". Lo afferma in una nota A.D.U., Ambiente Diritti Uguaglianza.

Commentando l'evolversi della crisi politica di agosto, ADU sostiene che la "solida struttura costituzionale, per mesi messa a dura prova dalla decretazione d’urgenza, dallo stravolgimento dei ruoli istituzionali e da una comunicazione personalistica, razzista e parafascista - nei modi e nei contenuti -, ha potuto arginare le spinte autoritarie del titolare del Viminale e ha saputo reagire, sotto la guida paziente del Presidente della Repubblica".

Oggi "l'ubriacatura populista si sta lentamente ricomponendo, rimane un sottofondo di lamentazioni biliose e il patetico tentativo di raccontare una storia parallela, falsa, secondo cui il famoso popolo sarebbe stato scippato della propria sovranità. E invece - prosegue ADU - è proprio quella solida struttura costituzionale a incarnare la volontà dei cittadini attraverso il meccanismo della rappresentanza e tramite un delicato sistema di check and balance, è proprio la dialettica parlamentare che dà sostegno alla partecipazione democratica e che mette l’esecutivo nella condizione di riformarsi per reagire alle spinte eversive".

"Il secondo governo Conte, appena insediatosi - rileva inoltre il movimento -, sembra avere caratteristiche più “normali” del precedente, persino la strisciante offensiva del Movimento 5stelle contro i meccanismi della democrazia rappresentativa sembra tornata sotto il controllo, mai troppo stretto, delle regole istituzionali".

 

 

 

 

E.G.
(foto governo.it)

 

 

 

 

Altre news di politica

Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075