Consiglio Valle, prove di intesa tra maggioranza e opposizione sul tema delle partecipate

Tetto a stipendi e benefit, relazioni periodiche, regole per assunzioni e consulenze tra le proposte presentate in Commissione

 

AOSTA. Il delicato tema delle società partecipate della Regione è stato affrontato oggi dalla Commissione Affari generali del Consiglio Valle.

L'argomento nei mesi passati è stato al centro di numerosi dibattiti e scontri in Aula focalizzati sul tema della trasparenza dell'attività svolta da queste società che possono spesso contare su bilanci a più zeri.

Leonardo La Torre (UV), presidente della Commissione, ha riferito di aver presentato «alcune riflessioni in vista della predisposizione della bozza di legge sul funzionamento delle società partecipate». Queste riflessioni «riguardano i vincoli da introdurre» che includono un tetto agli stipendi dei manager e ai benefit, premi vincolati ai risultati conseguiti, criteri e regolamenti per assunzioni e consulenze. Sotto l'aspetto finanziario, le indicazioni di La Torre includono la presentazione di relazioni semestrali e annuali sulla gestione economico-finanziaria e di programmi annuali e triennali operativi e finanziari. Il tutto con «l'obbligo di portare a conoscenza della Commissione competente la realizzazione di questi obiettivi». «Sono sicuro che riusciremo ad arrivare ad una proposta condivisa», ha aggiunto il consigliere unionista.

La proposta ha incassato l'apertura dell'Uvp per voce del vice presidente del Consiglio Andrea Rosset. «Il percorso è condivisibile e speriamo di poter produrre un testo di Commissione» ha dichiarato. «Crediamo sia importante ridare centralità al Consiglio nell'ambito delle partecipate - ha aggiunto Rosset - e abbiamo chiesto che vi sia un coordinamento con la legge statale 114 dell'agosto 2014 che fissa già una serie di punti importanti, tra cui il principio che queste società debbano essere assoggettate alle stesse regole del pubblico».

Durante la riunione la Commissione ha eletto vice presidente Joël Farcoz in sostituzione della dimissionaria Marilena Péaquin.

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it