Mossa (M5s): centri diurni per disabili della Valle d'Aosta tornino a pieno regime

'Dare priorità alle esigenze e alle difficoltà dei disabili e delle famiglie'

 

Luciano MossaAOSTA. Ripristinare il pieno servizio dei centri diurni per disabili: lo chiede il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Luciano Mossa sottolineando che la Valle d'Aosta su questo aspetto è rimasta indietro rispetto ad altre regioni.

"Dopo la riapertura (se così si può chiamare) dei centri in Valle d'Aosta dal 22 giugno, il servizio che viene erogato consiste in una passeggiata di appena due ore per due volte alla settimana. Altre regioni anche se devastate dal Covid sono invece ripartite a pieno regime", fa notare il consigliere regionale. In Emilia Romagna, spiega Mossa, dove gli assistiti sono 5.000, "i centri sono riaperti già da maggio e prevedono turni di frequenza differenziati e gli utenti sono organizzati in piccoli gruppi stabili di massimo 5 unità". Il Veneto anche "ha riavviato i centri diurni per disabili già dal 18 maggio più o meno adoperando le stesse modalità dell'Emilia Romagna. Ma cos'hanno di differente queste due regioni dalla nostra autonoma (per lo meno sulla carta) Valle d'Aosta i cui centri diurni contano si e no 70 utenti disabili?", chiede il consigliere regionale.

"Bisogna dare priorità alle esigenze e alle grandi difficoltà in cui versano le famiglie e le stesse persone disabili, per le quali questa fase di isolamento forzoso ha rappresentato un sacrificio immenso e difficile da comprendere", continua Luciano Mossa proponendo anche riproporre sul territorio regionale una versione alternativa dei soggiorni marini per disabili solitamente organizzati in estate.

"Un’ipotesi per spiegare questa inerzia amministrativa esiste - conclude il consigliere del Movimento 5 stelle -: non è l’Amministrazione, ma è la Giunta ad essere "dormiente". Dorme quando si tratta di servire gli interessi di tutti, ma si attiva per scaricare barili, favorire amici e dispensare denaro pubblico in cambio di voti".

 

E.G.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it