Barmasse: al lavoro per erogare parte dell'indennità Covid al personale sanitario

Il bonus per il personale Usl è stato bloccato dal Consiglio dei ministri

 

ambulanzaAOSTA. Il governo regionale sta valutando di intervenire sulla legge regionale 8/2020 per poter erogare le indennità Covid al personale sanitario. L'assessore regionale alla Sanità, Roberto Barmasse, ne ha discusso nel corso degli incontri di venerdì con le organizzazioni sindacali e i collaboratori dell'assessorato.

L'indennità una tantum è rivolta al personale dell'Azienda Usl della Valle d'Aosta che ha prestato attività lavorativa nei mesi della fase acuta dell'emergenza, tra marzo e maggio 2020. È prevista dall'articolo 15 della l.r. 8/2020 che il Consiglio dei ministri ha impugnato lo scorso agosto contestando la violazione degli articoli 3 e 97 della Costituzione "in quanto in contrasto con le finalità perequative in ambito nazionale, nonché l’articolo 117, secondo comma, lettera l), in materia di ordinamento civile, e terzo comma, della Costituzione, con riguardo agli obiettivi di coordinamento della finanza pubblica". La Regione si è opposta all'impugnativa e la controversia è ancora in corso, quindi i 3,4 milioni di euro stanziati per i lavoratori che sono stati in prima linea nella lotta al Covid-19 sono congelati.

Spiega l'assessore Barmasse: "In parallelo al procedimento di difesa in sede costituzionale, sono in corso gli approfondimenti per valutare l'adeguamento di alcuni passaggi della norma regionale al fine di poter comunque garantire ai beneficiari di ricevere con sollecitudine almeno la parte dei fondi autorizzati dalle norme nazionali".

 

 

E.G.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it