Legge anti-Dpcm, Boccia: ritiro impugnativa con nuovo accordo su gestione emergenza

 

ministro Francesco BocciaROMA. Approvando la sospensiva della legge regionale 11/2020 della Valle d'Aosta la Corte costituzionale "ci ricorda con nuovi approfondimenti che le azioni di prevenzione e contrasto della pandemia da Covid-19 devono essere costantemente improntati al principio di leale collaborazione tra tutti i livelli istituzionali con differenti responsabilità". Così si esprime in una nota il ministro degli Affari regionali e delle Autonomie, Francesco Boccia.

"Dopo la sentenza della Corte Costituzionale sul caso della Valle d'Aosta, Regione autonoma che ha collaborato costruttivamente al confronto successivo alla presentazione del ricorso, ho ritenuto opportuno informare con una nota specifica il Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, per l'insegnamento e l'opportunità che la sentenza della Corte Costituzionale dà a tutte le Regioni", afferma il ministro. 

"Proporrò al Consiglio dei ministri il ritiro dell'impugnativa sulla legge regionale della Valle d'Aosta e dei provvedimenti simili delle altre Regioni di fronte ad un ulteriore raccordo tra Stato e Regioni e relative integrazioni nella gestione dell'emergenza sanitaria e nel rafforzamento delle misure di contrasto al Covid-19", annuncia Boccia. "Soltanto praticando nelle azioni quotidiane la leale collaborazione richiamata dalla Consulta potremo realizzare azioni condivise per garantire un più efficace raggiungimento degli obiettivi comuni volti al contrasto della diffusione del virus e al superamento degli effetti negativi economici e sociali derivanti dalla pandemia finalizzati al rilancio del nostro Paese", conclude la nota.

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it