.

Pcp fuori dalla maggioranza, il Pd: decisione 'non accettabile'

Il Partito Democratico porterà all'attenzione degli autonomisti un suo documento programmatico

 

Partito Democratico Valle d'Aosta

La larga maggioranza con il Progetto Civico Progressista ha deciso di sciogliere l'alleanza con gli autonomisti in Regione non comprende il Partito Democratico.

«L'indicazione di uscire dalla maggioranza regionale emersa nel corso dell’assemblea di Pcp non è accettabile per il PD-VDA», afferma la segreteria del partito in una nota. La decisione «è stata sostenuta da due componenti (Rete Civica e Area Democratica) del Progetto Civico Progressista senza l'avallo del PD».

Secondo il Pd valdostano il centrosinistra in questo momento non deve tirarsi indietro. «In questa delicata fase di ripresa economica - si legge -, il Governo regionale necessita di un rilancio dell'azione politica che contenga elementi di innovazione per la società valdostana, ponendo al centro del dibattito politico i temi cari al centro sinistra, come il lavoro, la tutela delle fasce più colpite dalla crisi, la sanità pubblica e lo sviluppo economico, e che si pone l'obbiettivo di modernizzare la nostra regione».

Il Partito Democratico quindi andrà avanti per la propria strada con l'intenzione di «rappresentare il più ampio campo del centro sinistra valdostano, autonomista, ambientalista e riformista». Il partito annuncia l'elaborazione di «un documento programmatico da proporre quanto prima al confronto con le forze autonomiste» sui «temi programmatici che verranno indicati dalla Commissione Politica e dai consiglieri regionali». 

«La prosecuzione ed il rafforzamento del progetto politico di unità delle forze progressiste che ha ottenuto un importante successo alle ultime elezioni regionali e a cui il PD crede, presuppone la partecipazione necessaria di tutte le forze politiche e delle singole persone, che hanno contribuito alla nascita di Progetto Civico Progressista», conclude la segreteria regionale del PD.

 


Marco Camilli

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it