.

Autonomisti di maggioranza accusano: 'da Guichardaz e Minelli atteggiamento oltranzista'

'Chi siede in Consiglio regionale non può agire parlando unicamente ai militanti dei propri movimenti'

 

Consiglio regionale

Le consigliere Erika Guichardaz e Chiara Minelli si dimettano dalle cariche ricoperte in quanto componenti della maggioranza: lo chiedono in una nota Union Valdôtaine, Alliance - Stella Alpina, Vallée d'Aoste Unie e gruppo Misto dopo la decisione delle esponenti del Pcp di passare all'opposizione. «È un gesto di coerenza indispensabile, al di là delle posizioni politiche, per permettere al Consiglio regionale di lavorare nella pienezza delle proprie prerogative», affermano i quattro gruppi di maggioranza.

A proposito del Consiglio regionale di ieri, terminato con un giorno e mezzo di anticipo, i quattro gruppi sostengono che la decisione di Guichardaz e Minelli testimoni «un atteggiamento oltranzista che non si cura dei lavori dell'Aula e crea un rallentamento ingiustificato alle attività programmate. Si tratta di una scelta populista, che conferma la totale mancanza di propensione alla mediazione: un requisito che invece è indispensabile per chi si candida a governare e si trova nelle condizioni di farlo.»

«In politica occorrono serietà e coscienza delle conseguenze delle proprie azioni: chi siede in Consiglio regionale non può agire parlando unicamente ai militanti dei propri movimenti, paralizzando l'attività dell'Assemblea.»

 


redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it