Pcp: azione sconsiderata della Lega sull'elettrificazione della Aosta - Ivrea

Le consigliere del Pcp: «il progetto andrà in porto e rappresenterà un importante risultato»

 

Treni

«L'azione della Lega è sconsiderata e contraria all'interesse dalla comunità valdostana, un'azione sabotatrice che crediamo non porterà ad alcun risultato». Così il gruppo consiliare del Progetto Civico Progressista a proposito del progetto di elettrificazione della ferrovia Aosta - Ivrea e del parere negativo del consiglio comunale di Ivrea rispetto ai cantieri che l'opera porterebbe in città.

«La Lega Valle d'Aosta ha espresso, per l'ennesima volta, la sua contrarietà alla elettrificazione della tratta ferroviaria Ivrea-Aosta», scrive in una nota il gruppo del Pcp. I rappresentanti della Lega «ora che c'è il progetto definitivo e l'inizio dei lavori si avvicina, a corto di idee e argomenti, si aggrappano ad un parere del Consiglio comunale di Ivrea che esprime le proprie preoccupazioni sui cantieri che dovranno essere realizzati per allargare due tunnel ferroviari nella parte est della città». 

Le critiche segnalate a Ivrea «va detto che sono legittime, perché i due cantieri previsti in città avranno un impatto rilevante per quasi due anni nella parte est del territorio comunale», segnala il Pcp. Tuttavia in ogni caso «l'inserimento dell'elettrificazione della tratta Ivrea-Aosta nel Pnrr significa non solo il finanziamento dell'opera, ma anche l'adozione di procedure rapide e sicure per la realizzazione di un’opera considerata di interesse nazionale ed europeo. Il progetto definitivo, di cui tanto si è dubitato, ora c'è, le osservazioni sono state in gran parte già presentate, l'istruttoria procede nei tempi programmati con l’obiettivo di concludere i lavori entro la fine del 2026». Nessun rischio di stop dunque a parere del Pcp.

«Siamo convinte che il progetto andrà in porto e che rappresenterà un importante risultato per tutta la nostra comunità» concludono le consigliere regionali del Pcp.

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2022 Aostaoggi.it