REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Casinò, Alpe abbandona la task force: "mesi buttati al vento"

 

Il gruppo consiliare critica la dirigenza: "poche persone incapaci guidate a distanza"

Casino-latoAOSTA. Alpe non farà più parte della task force politica istituita dal Consiglio regionale sul Casinò di Saint-Vincent. "Mesi ed energie buttati al vento" dice il gruppo consiliare aggiungendo che "il Casinò di Saint-Vincent è nelle mani di poche persone incapaci guidate a distanza".

"E' apparso fin dall'inizio - affermano i consiglieri regionali del galletto - che, al di là di qualche dato sulla situazione del personale, non c'era modo di avere accesso alle informazioni riguardanti la gestione vera e propria della Società: dalla rendicontazione della spesa dei quasi 100 milioni concessi dalla Regione per il suo rilancio alle mille voci di costo che incidono pesantemente sul bilancio (vedi forniture e servizi, consulenze, garette, ecc)". E ancora: "l'unica proposta certa che ci è stata sottoposta è quella riguardante il taglio del costo del personale, dirigenza esclusa, naturalmente".

La conclusione di Alpe è che "chi decide realmente del Casinò di Saint-Vincent non era seduto al tavolo della task force. Commercianti e albergatori di Saint-Vincent sappiano che i loro appelli non hanno fatto breccia né a livello di dirigenza della Saint-Vincent & Casinò né a livello politico". 

Secondo il gruppo consiliare "in queste condizioni, la task force non ha più ragione di essere. Per coerenza nei confronti di coloro che hanno creduto in noi, dobbiamo prendere le distanze da chi ha portato il Casinò al disastro e continua a diffondere millanterie, nonostante siano i dati stessi a smentire chiaramente le previsioni di pochi mesi fa".

 

C.R.

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it