L'elezione del nuovo presidente del Consiglio Valle rinviata "a data da definire"

 

Uvp, Alpe e M5s abbandonano l'Aula, il PD vota "sì" con la maggioranza

Consiglio-valleelezioniAOSTA. Il Consiglio regionale della Valle d'Aosta ha ancora una volta rinviato l'elezione dell'ufficio di presidenza dimessosi ormai due mesi fa. Questa volta il rinvio è «a data da definire». Sarà la conferenza dei capigruppo a decidere nei prossimi mesi il "quando" basandosi sul momento politico ritenuto «più idoneo», come richiesto dal capogruppo di Stella Alpina, Stefano Borrello, a nome dell'intera maggioranza.

Al momento di votare il rinvio i consiglieri di Union Valdôtaine Progressiste, Alpe e Movimento 5 stelle sono usciti dall'Aula mentre il PD-Sinistra VdA è rimasto e ha votato a favore insieme a Union Valdôtaine e Stella Alpina. Risultato: 21 "sì" su 21 votanti ed elezione rinviata all'unanimità.

Tra gli interventi in Aula quello del capogruppo del M5s, Stefano Ferrero, secondo il quale nell'ultimo mese «nessuna forza di opposizione è stata consultata sulla questione. Il problema poltiico è interno a Uv e Stella Alpina: nessuno si candida per paura di essere impallinato dai colleghi». «Trovate un presidente del Consiglio o date le dimissioni» ha aggiunto.

Sulla stessa linea le dichiarazioni dell'Uvp: «o dichiarate la crisi politica o eleggete un presidente» ha affermato Luigi Bertschy. «Non si può traghettare la crisi in nome di tavoli di lavoro che non stanno affrontando questa questione».

 

E.G.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it