Pirogassificatore, Alpe: "sentenza Consiglio di Stato conferma bontà di seguire esito referendario"

 

I consiglieri regionali del gruppo invitano a predisporre in breve tempo il nuovo Piano di gestione dei rifiuti

gruppo-alpeAOSTA. "Anche se pende ancora un ricorso al TAR avverso la conferma della revoca", la sentenza del Consiglio di Stato "è un ulteriore tassello a conferma della bontà della decisione della Regione di seguire l'esito referendario". Così i consiglieri regionali del gruppo Alpe riguardo alla bocciatura della richiesta di un risarcimento alla Regione di 22 milioni di euro per la mancata conferma dell'appalto sulla gestione dei rifiuti dopo l'esito del referendum del 2012 contro il pirogassificatore.

"Obiettivo primario - aggiungono - è ora quello di rendere concreto nel più breve tempo possibile quanto è stato approvato all'unanimità dall'Assemblea, ossia predisporre il nuovo Piano regionale di gestione dei rifiuti, realizzare gli impianti dedicati e rivedere l'organizzazione della raccolta".

Il gruppo ritiene che "queste scelte siano realizzabili a breve e che si debba recuperare il tempo sin qui perduto nell'interesse dell'intera comunità valdostana".

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it