REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Approvata dal Consiglio Valle la Legge europea regionale 2015

 

Esaminata dall'Assemblea anche la relazione sulle attività del 2014

bandiera-europaAOSTA. Il Consiglio Valle ha approvato ieri sera la Legge europea regionale 2015 con 18 voti a favore e 17 contrari. Il testo, formato da 77 articoli suddivisi in cinque titoli, adegua le norme regionali ai vincoli derivanti dall'ordinamento europeo, con particolare riferimento alle direttive sui servizi nel mercato interno tese alla crescita della competitività delle imprese, sull'utilizzo sostenibile dei pesticidi, sulla prestazione energetica nell'edilizia e sulla valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati.

L'approvazione del ddl è stata preceduta dalla relazione del presidente della Regione Rollandin sulle attività di rilievo europeo e internazionale svolte lo scorso anno. «Il 2014 - ha detto - ha segnato il passaggio tra il ciclo di programmazione 2007-2013 e il nuovo settennio 2014-2020. Per quanto riguarda la fase conclusiva del ciclo 2007-13, la Valle d'Aosta conferma un avanzamento finanziario in linea con i target fissati a livello europeo e statale e un buon livello di attuazione e capacità realizzativa. Al 31 dicembre 2014 si registra un valore dell'investimento programmato di oltre 433 milioni di euro e un costo ammesso di circa 455 milioni di euro, e questo grazie alle risorse aggiuntive della Regione». Nel nuovo settennio «la Valle d'Aosta sarà interessata da dieci Programmi, uno in più rispetto al ciclo 2007-2013, grazie all'inclusione della Regione nel Programma di cooperazione transnazionale Mediterraneo» ha continuato Rollandin.

Il disegno di legge e la relazione sono stati oggetti di dibattito da parte dell'Assemblea che ha anche respinto, con 17 "sì" e 18 astensioni (UV e SA) un ordine del giorno per limitare il rilascio di nuove autorizzazioni di derivazione ad uso elettrico.

 

C.R.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it