REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Ballottaggi, il Pd perde Venezia e Arezzo. Fuga dalle urne

 

Al voto solo il 47,1% degli elettori

sindaco-fesAl turno di ballottaggio il Pd incassa una dura sconfitta a Venezia, dove il candidato sindaco Felice Casson si vede sorpassare al secondo turno dall'outsider di centrodestra Luigi Brugnaro (53,2 per cento contro 46,8). Non solo: i democrat, dopo nove anni di dominio, cedono al centrodestra Arezzo (Alessandro Ghinelli vince su Matteo Bracciali al fotofinish, 50,8 per cento contro 49,2) e perdono anche a Matera (il nuovo sindaco, secondo dati ancora non definitivi, è Raffaello De Ruggieri, che strappa la poltrona di primo cittadino all'uscente Salvatore Adduce).

Diverse le spine che questa tornata elettorale, segnata da una forte ondata di astensionismo (ha votato il 47,1 per cento), presenta sotto gli occhi del premier Matteo Renzi e del partito da lui guidato.

Preoccupanti, per il centrosinistra, anche i segnali da Nuoro (al ballottaggio vince il partito Sardo d'Azione con Andrea Soddu, che ha la meglio sul sindaco uscente di centrosinistra Alessandro Bianchi ) e Fermo (comune commissariato dove a vincere sono le liste civiche capeggiate da Paolo Calcinaro, vicino al 70 per cento).

Tra le note positive per Renzi e i democrat ci sono i successi di Mantova (Mattia Palazzi, sostenuto da Pd, Sel e liste civiche, strappa il Comune al centrodestra superando col 62,6 per cento Paola Bulbarelli) e Trani (Amedeo Bottaro, col 75 per cento dei voti, riporta la città sotto le insegne del centrosinistra). Si confermano appannaggio del centrosinistra le città di Lecco (Virginio Brivio sfiora il 55 per cento dei voti) e Macerata (il sindaco uscente Romano Carancini fa il bis con quasi 6 consensi su 4).

 

Clara Rossi

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it