Ampliamento ospedale; Uvp, Alpe e M5s: maggioranza ritrova il buon senso

 

In audizione l'assessore Fosson ha parlato di "rivedere e ridimensionare il progetto"

commissione-affarigeneraliAOSTA. Il guerriero celtico scoperto durante gli scavi archeologicamente assistiti all'ospedale Parini "si rende protagonista, ai giorni nostri, di una nuova storica impresa: riportare la maggioranza regionale nei confini del buon senso e della ragione. È giusto precisarlo, onde evitare che in questi tempi di maggioranze rinnovate, qualcun altro se ne attribuisca il merito". Uvp, Alpe e M5s scelgono l'ironia per riferire in una nota quanto comunicato dall'assessore regionale alla Sanità Antonio Fosson sul progetto del polo ospedaliero.

Oggi durante l'audizione in II Commissione Fosson "ha risposto confermando l'impasse in cui ci si trova riguardo alla prosecuzione dei lavori, a seguito del ritrovamento dei reperti archeologici". L'assessore ha anche "espresso la necessità di rivedere e ridimensionare il progetto; decisione peraltro già anticipata con la sospensione dell'attività della società Coup, al cento per cento pubblica" spiegano le tre forze di opposizione.

"Da sempre - si legge sempre nella nota - i gruppi consiliari Union Valdôtaine Progressiste, Alpe e Movimento 5 Stelle sostengono che è necessario riconsiderare l'idea di una grande opera i cui costi di realizzazione non sono più sostenibili. Abbiamo ripetutamente sollecitato l'assessore in tale senso, ma finora la maggioranza aveva fatto orecchio da mercante, limitandosi ad annunciare ritocchi i cui effetti sulla spesa sarebbero risultati del tutto marginali. Ora, obtorto collo, giunge il ripensamento".

 

Elena Giovinazzo

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it