Sostegno al reddito in Valle d'Aosta, 557 domande arrivate in Regione

 

Per beneficiare del contributo fino a 550 euro serve la firma del "patto di inclusione"

AOSTA. E' giunta al termine la fase di raccolta delle richieste di accesso alle misure di inclusione attiva e sostegno al reddito all'amministrazione regionale. Alla scadenza del 31 marzo, spiega l'assessorato delle attività produttive, energia e politiche del lavoro, hanno presentato istanza 557 persone: 415 sono di cittadinanza italiana e quasi la metà rientrano nella fascia d'età compresa tra i 44 ed i 54 anni.

Il prossimo passo è la valutazione delle richieste. Gli uffici regionali dovranno controllare il possesso di tutti i requisiti richiesti e quindi definire le misure di politica attiva del lavoro da attivare. Le persone ammesse saranno in seguito convocate per stipulare il "patto di inclusione".

Le misure di inclusione prevedono un contributo mensile tra i 450 ed i 550 euro, fino ad un tetto di 4.400 euro, per un periodo di massimo cinque mesi prorogabili eventualmente di ulteriori tre. Per ottenere questo beneficio ogni componente del nucleo familiare deve sottoscrivere il "patto di inclusione" che consiste in una serie di azioni volte all'inserimento lavorativo come, per esempio, la ricerca del lavoro, la partecipazione a progetti di formazione o la frequenza scolastica.

 

E.G.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it