2 milioni di debiti fuori bilancio per la Regione, Alpe e M5s: "gestione da far west"

 

Il "buco" emerso nel rendiconto. Chatrian e Cognetta: "più rispetto nell'uso dei soldi dei cittadini"

AOSTA. "Prendiamo le distanze da una gestione allegra e disinvolta dei soldi pubblici da parte di questo Governo che ha creato un buco di 2 milioni di euro per debiti fuori bilancio. Questa gestione da "cosa nostra" non è né corretta né condivisibile e chiediamo un maggior rispetto nell'uso dei soldi dei cittadini". Lo si legge in una nota del capogruppo di Alpe Albert Chatrian e del consigliere del M5s Roberto Cognetta commentando il "buco" emerso dal rendiconto generale 2015 della Regione.

"A cinque giorni dalla riunione del prossimo Consiglio - dicono Chatrian e Cognetta - la Commissione non ha ancora espresso parere sul disegno di legge. Il motivo è chiaro: all'interno della maggioranza si sta facendo melina perché non tutti sono d'accordo con questa allegra gestione, soprattutto chi è appena entrato in maggioranza e ora si trova a dover votare un provvedimento insostenibile".

Secondo i due esponenti della minoranza "esistotno assessori di serie A e assessori di serie B". Dei 2 milioni in questione, spiegano, "quasi 1,5 milioni sono da attribuire all'assessore Marguerettaz, con l'avallo dell'assessore Perron e, sicuramente, del presidente Rollandin. Ci chiediamo cosa sarebbe accaduto se nella stessa situazione si fossero trovati altri assessori, che, per mancanza di soldi previsti in bilancio, hanno invece dovuto tagliare drasticamente servizi o finanziamenti - vedi l'ex Assessore Fosson sulla sanità o l'Assessore Testolin sull'agricoltura ormai dissanguata".

Il capogruppo di Alpe e il consigliere dei 5 stelle ritengono che la questione sia "molto più pericolosa di quanto non sembri, perché se non si rispettano i vincoli di bilancio, spendendo senza criterio, allora la gestione delle risorse pubbliche diventa un far west, dove vige la legge del più forte e del più furbo. In Consiglio ne vedremo delle belle e siamo curiosi di vedere chi si assumerà la responsabilità di sanare questo debito".

 

Elena Giovinazzo

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it