Morte Ciampi, Rollandin: Italia perde uno dei suoi più autorevoli protagonisti

 

Messaggi di cordoglio dalle istituzioni della Valle d'Aosta per la scomparsa del presidente emerito della Repubblica

ciampi-visita2005aAOSTA. Messaggi di cordoglio stanno arrivando anche dalle istituzioni valdostane per la morte del presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi all'età di 95 anni.

"La Valle d'Aosta tutta intera esprime il suo più profondo e sentito cordoglio per la morte del Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi" si legge in un messaggio del presidente della Regione, Augusto Rollandin. "Siamo oggi vicini alla sua famiglia - aggiunge Rollandin - così come lui è stato vicino alla comunità valdostana e alla Valle d'Aosta nei tragici giorni dopo l'alluvione del 2000, testimoniando con la sua presenza la partecipazione al dramma valdostano. Ma per noi Ciampi non fu solo questo, non fu solo la solidarietà in un momento così tragico. Il Presidente Ciampi infatti dimostrò sempre una particolare sensibilità per la particolarità della nostra terra, e quando nel 2005 fu nostro ospite, ebbe a dire L'autonomia e il bilinguismo sono elementi di forza, che devono spingervi all'apertura, a pensare in grande, in una realtà piccola, ma centrale, dell'Europa del futuro. Parole che, in questo momento, ricordiamo con grande orgoglio ma anche con profonda tristezza. L'Italia– conclude Rollandin – perde oggi uno dei suoi più autorevoli protagonisti".

Anche il presidente del Consiglio regionale, Andrea Rosset, esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Ciampi. "L'Italia perde un uomo di grande saggezza e umanità - afferma Rosset -, un uomo che credeva profondamente nelle Istituzioni e che durante il suo mandato da Presidente ha difeso la Costituzione e tutelato l'unità d'Italia guardando con attenzione alle specificità delle Regioni. Riconosceva nell'autonomia speciale e nel nostro bilinguismo un valore aggiunto per la Valle d'Aosta, che ha avuto l'onore di accoglierlo in visita ufficiale nel 2005".

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it