.

Al via il progetto 'Tutto è connesso' nel Parco Nazionale Gran Paradiso

Gli studenti dell'Unité Grand Paradis coinvolti in uscite sul territorio per avvicinarsi alla natura

 

Tutto è connesso

«In psicologia e in biologia, amore per la vita, tendenza innata a concentrare il proprio interesse sulla vita e sui processi vitali». Così il vocabolario Treccani definisce la biofilia, termine attorno al quale si focalizza una iniziativa nel Parco Nazionale Gran Paradiso per avvicinare i giovani alla natura.

L'iniziativa in questione è denominata "Tutto è connesso", un progetto rivolto alle scuole e che propone oggi la prima uscita nel territorio del parco. Trenta bambini di Saint-Nicolas - in seguito spetterà agli studenti di Cogne, Valsavarenche, Rhêmes-Saint-Georges e Valgrisenche - saranno accompagnati nell'area protetta del Parco nazionale e coinvolti in azioni formative mirate alla «connessione della singola persona con la natura per favorirne la biofilia, attraverso momenti di esperienza, anche emotiva». Interagendo con la natura e con piante, farfalle e bruchi, i bambini potranno capire l'importanza della biodiversità e la necessità di salvaguardarla.

Il progetto è frutto di una collaborazione tra numerosi enti: il Parco Nazionale Gran Paradiso, l'Unité des Communes Valdôtaines Grand-Paradis, le Istituzioni scolastiche Maria Ida Viglino e Jean-Baptiste Cerlogne e il Groupe de Recherche en Education à l'Environnement et à la Nature dell'Università della Valle d'Aosta (Green).

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it