Guerre ed ebola non hanno influito sulle vacanze dei valdostani

Abbiamo intervistato alcune agenzie di viaggio ad Aosta per sapere come si comportano i Valdostani e se nel complesso questa stagione è stata positiva.

Prima di tutto, le crisi del Medio Oriente ed in Egitto, l'ebola e altre situazioni critiche non hanno influito particolarmente nella scelta delle mete. Anche se, bisogna ammettere, la Farnesina aveva sconsigliato l'Egitto, di solito località molto apprezzata (si pensi a Sharm El Sheik), per via della situazione poco sicura degli ultimi tempi. Ma ora il turismo in quelle zone si sta riprendendo.

Il caso ebola ha influito marginalmente: alcuni viaggiatori hanno disdetto la loro vacanze, ma l'epidemia ha interessato un'area dell'Africa poco frequentata dai turisti. Nel complesso quindi le guerre o le epidemie non hanno influito così tanto nella scelta del luogo in cui trascorrere le vacanze.

Per quanto riguarda la crisi, come in tutti gli altri settori, ha avuto un impatto anche sulle agenzie di viaggio. I numeri delle persone che si sono spostate per le vacanze non è mutato particolarmente rispetto agli scorsi anni. A cambiare sono state le loro abitudini: se prima la vacanza durava due settimane, ora dura 10 giorni, se prima si prenotava in un hotel 4 stelle, adesso si prenota in un 3 stelle. Un tempo molte famiglie acquistavano un pacchetto all inclusive con viaggio in aereo, adesso ci si muove più in automobile e si preferiscono destinazioni entro i confini nazionali piuttosto che mete internazionali.

Infine Internet ha mutato le abitudini dei turisti, ma anche in questo caso in modo relativo. Per la vacanza a breve raggio il web è utilizzato per scegliere modalità di alloggio e di soggiorno in una data destinazione. Si ricorre comunque ancora alle agenzie quando si incontrano difficoltà nella formazione del pacchetto, cioè nella composizione fra viaggio e soggiorno. I turisti preferiscono farsi consigliare, soprattutto se si tratta di organizzare viaggi complessi. Anche in questi casi prima si effettuano molto spesso ricerche su internet in modo autonomo, per comparare i prezzi visti sul web con quelli in agenzia. Non sono rari i casi di truffe on line, ma internet si rivela un ottimo strumento per la lettura di recensioni, per la comparazione dei prezzi e per controllare la disponibilità di mezzi di trasporto.
La forza delle agenzie è data dalla garanzia che queste possono dare nel proporre pacchetti e soggiorni che sono stati sperimentati direttamente dall'agente secondo modalità che sono diverse da quelle di un normale cliente, perché devono tendere alla verifica della qualità globale del prodotto. Nel fare questo bisogna che l'agente stesso utilizzi tutti gli strumenti telematici più aggiornati inventandosi blog e communities e proponendosi con continue news al cliente-amico.

Ma dove sono stati i valdostani quest'estate? La meta più gettonata a detta delle agenzie è stata la Grecia e in generale la vacanza al mare nella zona del Mediterraneo: Spagna, Sud Italia (Puglia, Sicilia e Sardegna) oltre che Tunisia e Mar Rosso. Per i viaggiatori più esigenti non sono mancate gli USA, il Sud America, il Sud Africa e le isole dell'Oceano Indiano.

 

Federica Cristiani

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it