.

Morti sul lavoro, sindacati: serve più prevenzione

Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil e Savt-Costruzioni sottolineano l'importanza della formazione e dei controlli

 

cantiere

Le due morti sul lavoro avvenute questa settimana a Gressan testimoniano «in modo drammatico quanto si debba fare di più nella fase di prevenzione degli infortuni». Lo affermano Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil e Savt-Costruzioni in un comunicato sull'incidente mortale in un cantiere edile.

«Gli strumenti e le modalità per evitare i gravi infortuni e addirittura la perdita della vita ci sono - evidenziano le organizzazioni sindacali -, a partire dalla formazione dei datori di lavoro dei responsabili di cantiere fino a quella dei lavoratori. Occorre potenziare i sistemi di controllo dotando gli organici dell'Ispettorato del lavoro e dell'Usl di tutti gli strumenti utili in tal senso, inasprire le sanzioni e investire maggiormente su prevenzione e formazione. A tal proposito - proseguono i sindacati - serve una coscienza nuova che attraverso una fattiva interazione e cooperazione tra organizzazioni sindacali, datoriali e istituzioni, possa arginare i fenomeni distorsivi presenti nel settore».

Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil e Savt-Costruzioni esprimono «le più sentite condoglianze alle due famiglie» e la speranza che «l'impegno di tutti i soggetti interessati porti ad eliminare gli eventi luttuosi che finora hanno colpito il settore delle costruzioni».

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it