.

Green pass al lavoro, attenzione alla validità delle certificazioni

Chi si è vaccinato negli ultimi giorni può non essere ancora in regola con gli obblighi del 15 ottobre

 

Certificazione Verde

I lavoratori che si sono sottoposti soltanto negli ultimi giorni la prima dose di vaccino contro il Covid-19 dovranno prestare attenzione agli obblighi in vigore dal 15 ottobre.

È noto che aziende e pubbliche amministrazioni da venerdì potranno far accedere al posto di lavoro soltanto coloro che sono in possesso del green pass Covid per avvenuta guarigione oppure per vaccinazione o per tampone negativo al virus. Chi si è sottoposto alla prima dose in questi giorni di ottobre non avrà però disposizione il green pass già dal 15 e dovrà sottoporsi comunque al tampone.

«Per la prima dose dei vaccini che ne richiedono due, la certificazione è generata dal 12° giorno dopo la somministrazione e ha validità a partire dal 15° giorno fino alla dose successiva», ricordano in una nota l'assessorato regionale alla sanità e l'azienda Usl Valle d'Aosta. Se non si rientra in queste tempistiche, per entrare nella sede di lavoro sarà quindi indispensabile il tampone. E, se necessario, l'esame andrà ripetuto ogni due giorni per i test antigenici rapidi od ogni tre giorni per i test molecolari, fino alla data di inizio validità del green pass.

Situazione simile per i vaccini monodose: affinché la certificazione verde sia valida devono trascorrere 15 giorni dall'avvenuta somministrazione.  I tempi di attesa si riducono invece a un paio di giorni per le seconde dosi e per le dosi uniche dovute a contagio e 24 ore per i guariti dal Covid-19.

Infine un chiarimento sulla durata della validità delle certificazioni verdi: durano tutte dodici mesi ad eccezione di quelle rilasciate ai guariti. In quest'ultimo caso la validità è dimezzata, 6 mesi.

«Per un breve periodo transitorio dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della Legge di conversione del Decreto legge 105 del 2021, anche le nuove Certificazioni potrebbero riportare scritto "Validità in Italia: 9 mesi", ma saranno comunque valide 12 mesi», chiariscono assessorato e Usl.

 

 

Clara Rossi

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it