Pubblico impiego, torna lo stato di agitazione in Valle d'Aosta

Cgil, Savt e Sivder chiedono l'attivazione della procedura di raffreddamento e il rinnovo del Ccnr

 

Palazzo regionale

Le Funzioni pubbliche di Cgil, Savt e Sivder annunciano la proclamazione dello stato di agitazione del personale del pubblico impiego. I sindacati «chiedono la formale attivazione, nei tempi di legge, della preventiva procedura di raffreddamento e conciliazione delle controversie». Controversie che sono legate al mancato rinnovo del Contratto collettivo regionale del lavoro delle categorie interessate.

La procedura riguarda circa 5mila dipendenti del pubblico impiego presenti in Valle d'Aosta. 

Già la scorsa estate era stato proclamato lo stato di agitazione. Fp Cgil, Savt Fp, Fialp-Sivder e anche Conapo Valle d'Aosta avevano segnalato il quell'occasione il «silenzio assordante» da parte del Comitato regionale per le politiche contrattuali.

 

 

C.R.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2023 Aostaoggi.it