Valle d'Aosta, Fipe Confcommercio chiede di rivedere i prezzi del menu operai

«Costo invariato da 7 anni, mantenere le stesso condizioni non è più sostenibile per le nostre aziende»

 

La Fipe Confcommercio della Valle d'Aosta invita «le aziende della categoria a rivedere i prezzi del menu operai. Accogliendo tale invito potrebbero rendere la proposta menù maggiormente di qualità riuscendo anche ad avere uno scontrino medio che permetta un giusto margine di guadagno all'impresa stessa».

«Attualmente - spiega in una nota - tale proposta consiste in: primo piatto, seconda portata comprensiva di contorno, dessert acqua o vino e caffè ad un costo che per i più è ritenuto non adeguato ad offrire un prodotto di qualità. È bene segnalare che il costo è rimasto invariato da oltre sette anni senza modifiche e adeguamenti nonostante gli attuali livelli di inflazione, il rincaro delle materie prime e i costi dell'energia attualmente alle stelle». Al momento «mantenere le stesso condizioni non è più sostenibile per le nostre aziende. Invitiamo quindi gli operatori a valutare una tariffa più congrua rispetto al menù operai garantendo il corretto equilibrio tra qualità e contenimento dei costi».

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2023 Aostaoggi.it