.

Nella Rsa di Variney arrivano i primi pazienti non Covid

La struttura di Gignod sarà utilizzata per decongestionare l'ospedale Parini

 

ospedale Parini

La Residenza sanitaria assistita di Variney ospiterà pazienti negativi al Covid-19. La Rsa situata nel comune di Gignod è stata infatti ricovertita da struttura per pazienti contagiati a servizio per i pazienti dimessi dall'ospedale Parini che hanno ancora necessità di assistenza o devono sottoporsi a riabilitazione.

«Già nella giornata di oggi, martedì 20 luglio, è previsto il trasferimento dei primi pazienti dall’ospedale Parini», spiega l'Usl Valle d'Aosta.

«Si tratta di pazienti post-acuti non positivi al virus Sars CoV2, che necessitano di assistenza o che devono essere sottoposti a riabilitazione - precisa il direttore del Distretto 2, Francesca Faelli - . Sono pazienti dimissibili dall’ospedale ma che non possono essere mandate a domicilio, per esigenze cliniche puntuali o per problematiche di carattere sociale e assistenziale. La funzione è anche quella di accogliere utenti provenienti dal territorio con le medesime caratteristiche dei degenti ospedalieri».

In questo modo, come accaduto durante le ondate di contagio da Covid-19, la Rsa di Variney sarà utilizzata per decongestionare l'ospedale regionale che avrà così a disposizione più posti per i pazienti gravi.

Se la situazione pandemica riprenderà a peggiorare, la Rsa di Variney sarà ancora una volta riconvertita in base alla necessità.

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it