REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Cogne, rubano 230mila euro nascosti in cantina: arrestato trentenne

 

Denunciato dai carabinieri uno dei complici del furto ai danni di una persona anziana

AOSTA. E' un trentenne residente a Torino, Badi Nour Eddine, l'uomo arrestato dai Carabinieri con l'accusa di aver partecipato al furto di 230mila euro ai danni di una persona anziana residente a Cogne.

Il fatto risale al novembre dello scorso anno. L'arrestato, fingendosi un venditore a domicilio, ha distratto la vittima del furto mentre un complice si è occupato di andare a rubare in denaro in cantina. Si tratta di un uomo di 48 anni (A.B. le iniziali del suo nome) che è stato denunciato a piede libero.

Secondo i militari dell'Arma al furto hanno però partecipato almeno altre due persone, uno alla guida di un'auto ed uno che teneva sotto controllo la situazione all'esterno dell'abitazione.

«Purtroppo non possiamo ridare il denaro a questa persona», ha spiegato il capitano Danilo D'Angelo, comandante della compagnia dei Carabinieri di Aosta, fornendo i dettagli dell'operazione in conferenza stampa. L'arrestato, ha precisato il comandante, è stato riconosciuto dalla vittima.

Considerato anche questo grave episodio, D'Angelo ha sottolineato l'importanza di diffidare degli sconosciuti. «Servono barriere che ci proteggono dai malintenzionati», ha aggiunto.

Una considerazione da fare, a margine di questo gravo fatto di cronaca, è che è sempre più diffusa l'abitudine di tenere grosse cifre in contanti in casa. Questo per l'attuale inaffidabilità di una parte degli istituti di credito.

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it