"Costretta a rapporti sessuali": marito a processo per violenza

Presunte violenze anche durante la gravidanza

tribunaleAOSTA. Sarebbe stata ricattata e costretta dal marito ad avere rapporti sessuali durante la gravidanza, nonostante anche il parere contrario del medico, perché «il Corano obbliga la donna ad ascoltare sempre il marito». Lo ha riferito in aula la moglie di un 33enne marocchino accusato di violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia.

Stando al racconto fornito durante il processo dalla donna, il consorte l'avrebbe obbligata ad avere una decina di rapporti. «Diceva che se avessi voluto dormire a letto avrei dovuto avere rapporti per cui a volte mi mettevo a riposare sul divano e alla fine del Ramadan ho chiesto ospitalità alla mia vicina», ha riferito.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it