Ancora nessuna traccia dell'escursionista con le ciaspole scomparsa sul Monte Rosa

VALTOURNENCHE. Sono state sospese le ricerche dell'escursionista russa scomparsa lo scorso 28 aprile sul versante sud del massiccio del Monte Rosa. Un ultimo tentativo di ritrovare il suo corpo è stato compiuto ieri. Le unità del Soccorso alpino valdostano e della Guardia di finanza di Breuil Cervinia hanno perlustrato a piedi e con l'elicottero un'area molto vasta seguendo le indicazioni di due alpinisti recuperati il giorno successivo alla scomparsa nella zona del colle del Lys. I due avevano riferito di aver visto un'escursionista in zona. Le ricerche però non hanno prodotto risultati e sono state quindi interrotte.

{lightgallery type=local path=images/gallerie/2018/ricerche-escursionista_10mag18 previewWidth=120}-{/lightgallery}

Anche nelle ore successive alla scomparsa erano stati compiuti dei tentativi di ritrovarla malgrado le pessime condizioni meteo in quota.


La donna è sparita dopo aver lasciato il rifugio Margherita (4.554 mt). Con le ciaspole aveva intrapreso la discesa lungo il ghiacciaio che porta a Zermatt, in Svizzera. Le ultime notizie che la riguardano sono state fornite da una guida alpina che l'ha incontrata e le ha consigliato di tornare indietro o di dirigersi al rifugio Mantova vista la difficoltà dell'itinerario e l'atteso peggioramento delle condizioni meteo. Da allora di lei non si hanno più notizie.

 

Marco Camilli

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it