Pedopornografia, arrestato un maresciallo della Guardia di finanza di Aosta


Sul suo pc «copioso materiale pornografico» con minorenni. Era già sospeso dal servizio per false attestazioni

 

Guardia di finanza

AOSTA. Un maresciallo della Guardia di finanza di Aosta, Antonio Russo, è stato arrestato dai suoi colleghi per pedopornografia. Sul suo pc i Finanzieri hanno rinvenuto «immagini dall'esplicito contenuto pedopornografico».

Le accuse sono nate da altre indagini di genere completamente diverso in cui Russo era coinvolto: false attestazioni di malattia per beneficiare di periodi di licenza straordinaria. Durante le perquisizioni i Finanzieri hanno trovato il materiale sospetto e le ulteriori indagini hanno dissipato i dubbi. «L’attività di analisi forense su computer, memorie esterne ed altri sistemi di archiviazione», spiega infatti la Gdf, ha «permesso di individuare copioso materiale pornografico con immagini inequivocabilmente riferito a minorenni. Oltre a tale materiale, sono stati individuati file di testo contenenti i percorsi per raggiungere siti del dark web, parte del cosiddetto deep web, la porzione più profonda e nascosta della rete internet, utilizzata per il download delle immagini e la visione dei video aventi come protagonisti anche bambini in età preadolescenziale, non raggiungibile se non tramite software specifici».

A firmare la custodia cautelare in carcere è stata la gip di Torino Alessandra Danieli.

Russo è già sospeso dal servizio e sottoposto a procedimento disciplinare per l'accusa delle false attestazioni. «I fatti odierni, riprovevoli oltre ogni misura, saranno oggetto di analogo rigore», assicura la Gdf.

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it