Omicidio tabaccaio a Torino, per l'autopsia è morto a causa delle botte

 

Enrico Rigollet ha riportato un trauma cranico fatale

 

SAINT-CHRISTOPHE. E' stata effettuata oggi l'autopsia su Enrico Rigollet, il tabaccaio di 57 anni originario di Saint-Christophe picchiato a morte nel suo negozio a Torino la scorsa settimana, davanti al fratello.

tabacchi-dueleoniL'esame condotto dal medico legale ha stabilito che l'uomo è morto per un trauma cranico dovuto alle botte inflitte dall'aggressore, Giuseppe Cerasa, 38 anni.

Cerasa è stato arrestato poco dopo il fatto dai carabinieri ed è accusato di omicidio volontario. L'uomo ha vari precedenti e problemi di alcolismo ed è conosciuto per il carattere aggressivo e sarà probabilmente sottoposto ad esami che ne dovranno valutare la capacità di intendere.

L'omicidio è avvenuto nella serata di giovedì scorso. Alcune ore prima Cerasa era stato allontanato dal locale di Rigollet per un diverbio. L'uomo ha poi fatto ritorno nel bar-tabaccheria insieme alla madre, ritenendo forse di dover regolare i conti, e ne è nata la collutazione fatale.

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it