Un 57enne denunciato per alcuni raid di furti in Valle d'Aosta - VIDEO

 

I carabinieri hanno addebitato all'uomo, da poco uscito dal carcere, una trentina di furti ad Ayas, Cogne e Gressoney

 

AOSTA. Un cinquantasettenne di Varese, Luigi D., è stato denunciato dai carabinieri per una serie di furti avvenuti nelle scorse settimane in numerose località valdostane.

furti-23dic14All'uomo, uscito dal carcere a Verona a metà novembre e con numerosi precedenti per altri furti in tutte le altre regioni del Nord Italia, sono addebitati una trentina di colpi messi a segno sempre di notte nella Val d'Ayas tra il 5 e il 6, a Cogne tra l'8 e il 9 ed a Gressoney tra il 17 e il 18 dicembre. Prendeva di mira uffici, bar, hotel, tabaccherie e locali in cui era sicuro di non trovare nessuno di notte e faceva attenzione a non provocare gravi danni: anche per questo gli è stato dato il soprannome di "ladro del nottolino". Tra i locali da cui avrebbe rubato anche la sede delle guide alpine di Champoluc. Terminate le razzie, il cinquantasettenne tornava a Varese e scaricava la merce.

I carabinieri delle varie stazioni coinvolte sono risaliti a lui visionando i filmati delle telecamere di sorveglianza del territorio delle zone colpite dai furti. Hanno confrontato veicoli e targhe in transito negli orari dei furti e le registrazioni di alcune telecamere di sicurezza. Con la collaborazione dei colleghi di Varese sono giunti nell'abitazione dell'uomo per perquisirla e, nascosti tra casa e soprattutto garage, hanno trovato gran parte della refurtiva già pronta per essere rivenduta, tra cui pellicce, pc, attrezzi da lavoro, ma anche bibite e caramelle e  bancomat. I militari hanno trovato anche una scultura in legno intagliato rubata nel 2010 a Champorcher.

L'uomo è stato denunciato a piede libero per furto, ricettazione e uso indebito di carte di credito e avrebbe ammesso i furti.

 

M.C.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it