Accoltellò un uomo davanti alla bocciofila di Aosta, patteggia

 

Cinque anni per il cittadino serbo ora ai domiciliari in un centro per la salute mentale

bocciofilaAOSTA. Ha patteggiato la pena il cittadino serbo che la scorsa estate, ubriaco, davanti alla bocciofila del quartiere Cogne di Aosta, accoltellò "per futili motivi" un uomo davanti alla figlia di quest'ultimo.

Markovic Slavko, difeso dagli avvocati Federico Fornoni e Corinne Margueret, ha concordato con il pm Luca Ceccanti cinque anni di carcere davanti al gup Giuseppe Colazingari. Si trova ai domiciliari in un centro per la salute mentale.

L'accusa era di tentato omicidio. La vittima dell'aggressione, un romeno di 45 anni, fu ferito al torace con un coltello da cucina di 34 centimetri mentre era seduto su una panchina insieme alla figlia di 8 anni. La lama provocò una lacerazione al cuore e fu solo grazie all'immediato intervento degli avventori e dei carabinieri che riuscì a sorpravvivere. Per le conseguenze dell'aggressione l'uomo è in attesa che gli venga riconosciuta l'invalidità.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it